Ristrutturare casa da soli

Ristrutturare casa da soli

Ristrutturare casa è un passo importante. Le motivazioni che ci spingono a farlo sono tante: esigenze di sicurezza, una migliore vivibilità, dare un valore aggiunto quando si vuole vendere casa o semplicemente la voglia di cambiare vita.

Per farlo spesso sono necessari interventi di manutenzione ordinaria, come la sostituzione di serramenti, il rifacimento della pavimentazione, la tinteggiatura delle pareti o la realizzazione di controsoffitti. Alle volte, invece, si richiedono piccole opere di manutenzione straordinaria, come lo spostamento delle pareti interne, la realizzazione di nuovi impianti o la chiusura o apertura di vani porta.

Per la manutenzione ordinaria è possibile procedere da soli, senza richiedere speciali permessi comunali(come la scia) o consultare un professionista del settore (si consiglia sempre di verificare le normative vigenti del comune di appartenenza). Semmai, nel caso in cui abitaste in un condominio, sarebbe bene avvisare l’amministratore e avvertire i condomini per i fastidi che i lavori potrebbero arrecare.

Se avete deciso di ristrutturare casa da soli, è bene avere in mente un progetto ben preciso al quale attenersi, in modo da non incappare in errori irreparabili. Fatto questo, potete cominciare. Decidete, per prima cosa, il tipo di stile che volete dare alla vostra abitazione.
Un elemento fondamentale che vi aiuterà a delineare lo stile della vostra casa è la sua superficie. Generalmente una casa con più stanze e con una superficie maggiore prediligerà uno stile classico con un arredo imponente e più austero rispetto a casa più piccole che prediligeranno, viceversa, la scelta di un arredo moderno più flessibile ed adatto a soluzioni per piccoli spazi.
Gli elementi principali che contraddistinguono una casa in stile moderno sono infatti la semplicità, la funzionalità e la componibilità. Gli arredi moderni richiedono uno stile minimalista che gioca molto con le geometrie. Le decorazioni saranno ridotte al minimo e gli ambienti saranno quanto più possibile ariosi e sufficientemente illuminati. Se volete che la vostra "nuova" casa esprima una sensazione di eleganza e relax, allora bisogna dividere gli spazi rendendoli quanto più possibile pratici, ma soprattutto alleggerirli da eventuali suppellettili inutili. Una volta che avrete deciso di dare un'impronta moderna alla vostra casa, il passaggio successivo sarà quello di stabilire il colore delle pareti. In una casa moderna di solito il colore delle pareti deve essere neutro, quindi meglio preferire il grigio, il color sabbia o il classico bianco. Ma Moderno significa anche tecnologico; questo stile di arredamento, infatti, è in continua evoluzione e va di pari passo con l’aggiornamento tecnologico dei materiali eco-sostenibili e degli elettrodomestici a basso consumo energetico.

Per arredare in stile moderno la vostra casa, iniziate scegliendo i mobili del soggiorno. A tal fine, il legno è un materiale largamente utilizzato: spesso, infatti, viene sottoposto a particolari trattamenti che lo rendono "esteticamente differente" e duraturo nel tempo. Se non siete amanti di questo materiale, potete acquistate dei mobili, sempre in materiale eco-sostenibile, con finiture lucide che consentono alla luce del sole di penetrare e riflettere, creando, quindi, una sensazione di maggiore illuminazione. Preferite, quindi, una parete attrezzata con queste caratteristiche, all’interno della quale installerete un televisore piatto, emblema per eccellenza dello stile moderno e allo stesso tempo tecnologico. Gli altri mobili della stanza devono seguire, chiaramente, la stessa linea di arredo. Il tavolo da pranzo, ad esempio, può essere sia quadrato che rettangolare. Si consiglia una struttura in metallo cromato o verniciato, meglio se allungabile, e con il piano in vetro, oppure in legno impiallacciato. Per la pavimentazione ci si puo’ orientare nella scelta di marmi, vetri o ceramiche, tutti materiali che si sposano perfettamente con lo stile moderno. La tonalità va abbinata a quella delle pareti. In alternativa è possibile optare per il classico parquet in legno, materiale ecologico per eccellenza. Se invece volete dare alla vostra stanza un tocco particolare, molto affascinanti sono le pietre naturali, ideali per creare un ambiente accogliente. Si tratta di materiali green, molto in voga negli ultimi anni. Anche un pavimento in ceramica è adatto allo stile moderno. Tra l’altro, essa presenta il vantaggio di essere resistente agli sbalzi di temperatura e all’usura. Il marmo, invece, rappresenta l’eleganza per eccellenza, soprattutto grazie alla sua naturale lucentezza.

Per arredare il bagno in stile moderno, invece, servono pochi accorgimenti. Scegliere per prima cosa le piastrelle: a tal proposito, potete puntare su rivestimenti eco sostenibili in pvc o su piastrelle dai colori accesi. Molto particolari ed estremamente eleganti sono i mosaici dai colori freschi o dall’effetto pietra. Per la parte alta delle pareti preferite colori neutri o chiari. Potreste decorare anche una sola parete e lasciare le altre bianche. I sanitari dal design moderno sono quelli senza base e assolutamente bianchi, con relativa rubinetteria in acciaio lucido. Le forme tonde sono tra le più amate da chi decide di arredare in stile moderno. Linee pulite anche per i mobili o le eventuali cassettiere da inserire nel bagno. Quanto all’illuminazione optate per un lampadario grande che illumini per bene, soprattutto se lo spazio è piccolo. Si consiglia, inoltre, di posizionare una pianta rigogliosa in un vaso dal design innovativo.

Una cucina in stile moderno, infine, deve avere il giusto equilibrio tra colore e forma, soprattutto in relazione alle altre stanze della casa. Pitturate le pareti, quindi, con colori neutri e acquistate, se non li avete già, mobili spigolosi, tipici dello stile moderno. I materiali più utilizzati sono l’acciaio, la resina o i polimeri di ogni genere. Per gli armadi della cucina prediligete le tinte neutre, magari lucide o laccate. Potete personalizzare l’ambiente, poi, con un frigorifero dal colore vivace. Anche le sedie hanno la loro importanza. Preferite quelle in vetroresina, meglio se lucida, di colore bianco o trasparenti per creare una sensazione di maggiore spazio.

Per arredare la vostra casa in stile classico, invece, considerate per prima cosa che i colori saranno completamente diversi, quindi caldi e solitamente scuri. Partendo dal soggiorno, scegliete mobili di colore marrone, oro o bordeaux. Il materiale per eccellenza dello stile classico è il legno. Questo dovrà essere scuro, meglio se color noce, decorato e dalle linee morbide.

Gli elementi fondamentali di questo stile di arredamento, soprattutto nel soggiorno, sono rappresentati dalla credenza e dagli armadi con le vetrine, che andranno riempiti con servizi da caffè, servizi da tè, piatti in porcellana, bicchieri di cristallo, alzate o bottiglie di liquore.

Lo stile classico impone punte arrotondate per divani e poltrone che dovranno essere preferibilmente in pelle o camoscio. I divani vanno disposti l’uno di fronte l’altro, con in mezzo un tavolino da caffè e un tappeto, meglio se persiano. Le tende dovranno essere abbinate al colore dei divani e a quello delle pareti.

Ricordate che lo stile classico impone la carta da parati, preferibilmente di colore chiaro per essere in contrasto con quello dei mobili. Le tende possono essere in lino o in tessuto damascato. È possibile aggiungere il televisore, meglio se in legno scuro e incassato all’interno di un mobile.

Una cucina in stile classico impone mobili in legno dalle linee semplici, gli angoli arrotondati e dal colore caldo o mielato. Per tale ragione, quindi, è preferibile scegliere un pavimento più chiaro. Tra i materiali disponibili orientatevi sul cotto o la ceramica, possibilmente di forma quadrata e abbastanza larga. Le pareti possono essere dipinte in tempera bianca.

È possibile poi far risaltare l’arredamento dei mobili con un top fatto di piccole mattonelle quadrate, possibilmente decorate. Inoltre si consiglia di aggiungere, sempre in cucina, una classica vetrinetta in legno con sportelli e cassetti, all’interno dei quali potreste conservare posate, il tovagliato o le pentole e le pirofile più voluminose.

Infine, il bagno è un elemento da non sottovalutare. Per gli amanti dello stile classico, quindi, la regola principale è la scelta del legno come materiale principale per l’arredamento, meglio se di colore scuro. Le pareti andranno rivestite o pitturate con dei colori caldi e accesi, quindi il giallo, l’arancione o i color salmone.

Chi ama la carta da parati, invece, può sceglierne una dai motivi floreali. Il lavabo sarà in porcellana, rigorosamente bianca, e verrà inserito in un mobile di legno. Anche il copri water andrà messo assolutamente in legno. La rubinetteria, dalle linee morbide e sinuose, dovrà essere in ottone, così come il porta sapone e il portasciugamani.

Sopra il lavandino è preferibile posizionare uno specchio grande con una cornice in legno. Se si possiede abbastanza spazio, per sottostare alle regole dello stile classico è preferibile posizionare una vasca in ceramica piuttosto che una doccia. Per illuminare il vostro bagno, scegliete delle applique da posizionare ai lati dello specchio.

Infine, per una camera da letto in stile classico, optate per dei mobili dai colori caldi, meglio se decorati o intarsiati. La struttura del letto può essere in legno o in ferro battuto. Il lampadario, invece, va scelto in ottone o bronzo lucidato. Molto particolari sono quelli in gocce di cristallo o vetro di murano, che coniugano uno stile classico con un tocco di personalizzazione.